PREGHIERA DELL'ALPINO

Su le nude rocce, sui perenni ghiacciai, su ogni balza delle Alpi ove la Provvidenza ci ha posto a baluardo fedele delle nostre contrade, noi, purificati dal dovere pericolosamente compiuto, eleviamo l'animo a Te, o Signore, che proteggi le nostre mamme, le nostre spose, i nostri figli e fratelli lontani, e ci aiuti ad essere degni delle glorie dei nostri avi.

Dio onnipotente, che governi tutti gli elementi, salva noi, armati come siamo di fede e di amore.

Salvaci dal gelo implacabile, dai vortici della tormenta, dall'impeto della valanga, fa che il nostro piede posi sicuro sulle creste vertiginose, su le diritte pareti, oltre i crepacci insidiosi, rendici forti a difesa della nostra Patria, e della nostra Bandiera.

E Tu, Madre di Dio, candida più della neve, Tu che hai conosciuto e raccolto ogni sofferenza e ogni sacrificio di tutti gli Alpini caduti, Tu che conosci e raccogli ogni anelito e ogni speranza di tutti gli Alpini vivi e in armi, Tu benedici e proteggi i nostri Battaglioni e le nostre Compagnie.

Così sia.

La Messa alla Colonna Mozza

Calosso - 1916 - Soldato in Guerra invoca la Madonna

 


PREGHIERA DELL'ARTIGLIERE

A te Iddio degli eserciti, eterno Signore delle genti, noi artiglieri d'Italia, eleviamo i cuori.

Sii lodato, o Signore, per la terra che ci donasti come Patria, dove il Tuo nome è venerato, dove la fede è fiamma che illumina la vita; sii lodato e ringraziato per il vanto che donasti alla nostra Bandiera, per la gloria che eterna i nostri Eroi, per la pace che concedi ai nostri morti nella Tua luce.

Noi Ti preghiamo, o Signore, rendi il nostro cuore forte come la tempra dei nostri cannoni, il nostro braccio potente come l'uragano di fuoco che irrompe dai nostri pezzi.

Fa che nell'ora della lotta aleggino a noi dintorno gli Spiriti dei nostri Caduti, ed avvampi in noi la fiamma purissima che rende granitica la fragile materia e l'anima esalta nell'offerta e nel sacrificio.

Proteggi, o Signore, la nostra Patria, le nostre famiglie lontane, le nostre terre, e noi tutti che in Te crediamo, benedici.

Amen

Artiglieri da montagna

Immagine tratta dagli archivi dedicati alla Guerra Bianca

 


PREGHIERA PER LA PATRIA

Dio Onnipotente ed Eterno cui danno gloria il cielo, la terra e il mare, ascolta la nostra preghiera!

Giurando fedeltà alla Bandiera, abbiamo promesso amore e servizio alla Patria, nel ricordo del sacrificio di chi è caduto perché noi vivessimo in un mondo più libero e più giusto.

Donaci, o Signore, la forza di custodire e difendere il bene prezioso della pace e, in comunione di spirito con tutti coloro che lavorano e soffrono, donaci la gioia di dare il nostro contributo, per la serenità delle nostre case, per la prosperità della nostra terra, per il bene dell'Italia.

Amen

Parma - il Tricolore si riflette sul fiume

Sfilata in occasione dell'Adunata Nazionale degli Alpini tenutasi a Parma


PREGHIERA DEL SOLDATO ITALIANO

Signore Iddio degli eserciti cui, per Dovere, apparteniamo purificaci d'ogni bruttura; perché, in quest'ora d'odio selvaggio, la nostra preghiera salga a Te bianca, siccome quella dei nostri bambini.

Guarda, Signore: - noi non ci siamo Schierati col forte a offesa del debole, noi non eccita allo sterminio ambizione d'impero, noi non vogliam mettere a sacco e a fuoco le terre altrui; ma "LE TERRE D'ITALIA SON FATTE PER NOI"; Tu ce l'hai date, i nostri Vecchi le han fatte libere da giogo secolare a prezzo del loro sangue; e se venga il giorno Che noi dobbiamo combattere ovunque per Esse, benedici, o Signore, le nostre armi il Nostro Re, schiatta di valorosi e di santi.

E dacci la vittoria; e dacci una rama d'ulivo: per i nostri figlioli, per le nostre donne, per la tomba dei nostri vecchi. 

 

Posto alla sommità di un Monumento dedicato ai Caduti in Guerra (1911-1948), sovrasta l'Alpino che durante una cruenta Battaglia, avendo terminato le munizioni, scaglia un masso in direzione del nemico

Serralunga di Crea - 1919 - Soldato orante invoca la Madonna


PREGHIERA DEL SOLDATO CADUTO

Nessuno, forse sa più perchè sei sepolto lassù nel camposanto sperduto sull'alpe, soldato caduto.

Nessuno sa più chi tu sia, soldato di fanteria, coperto di erbe e di terra, vestito dal saio di guerra, l'elmetto sulle ventitrè.

Nessuno ricorda perchè posata la vanga, il badile, portando a tracolla il fucile, salivi sull'alpe, salivi, cantavi e di piombo morivi, ed altri moriron con te.

Ed ora sei tutto di Dio, il sole, la pioggia, l'oblio t'han tolto anche il nome d'in fronte non sei che una croce sul monte che dura nei turbini tace custode di gloria e di pace.

Adamello 1916 - Alpino del Battaglione Garibaldi


PREGHIERA DEL MUTILATO E INVALIDO DI GUERRA

Noi, Mutilati e Invalidi di Guerra, con umiltà Signore, Ti preghiamo: fa che nessuno dimentichi il nostro sacrificio, di amore e di dedizione alla Patria, monito operante per la eliminazione delle Guerre, auspicio per pacifiche relazioni tra i Popoli.

Alimenta in noi invalidi di Guerra, pur nell'orgoglio e nella fierezza del dovere compiuto, il sentimento della fratellanza e dell'amore per la libertà, rafforza la coscienza civile e democratica degli Italiani al fine di operare per la cooperazione, la distensione internazionale e la difesa della pace.

Fa, o Signore, che i nostri Fratelli, che abbiamo lasciato sui campi di battaglia e negli abissi, o nei luoghi di prigionia, non siano dimenticati, ma che il Loro spirito viva sempre tra noi per comunicarci quella certezza che fu loro: di non essere morti invano.

Benedici, o Signore, tutti coloro che ci stanno vicino e che con l'affetto e la loro trepidazione dividono con noi le sofferenze delle nostre invalidità.

E così sia.

Anziano Standschutze Tirolese

Valperga - 1919 - Soldati sul fronte invocano la Madonna


PREGHIERA DEI COMBATTENTI E REDUCI

Eterno Iddio, cui danno gloria i cieli, magnificenza la terra, obbediscono i venti e i mari, benedici noi, soldati di terra, di mare e di cielo: combattenti e reduci di tutte le Armi e di tutte le guerre.

Sorretti dalla tua fortezza, abbiamo servito la Patria in armi, nelle ore cruente della sua storia; donaci la virtù di servirla con onestà, libertà e concordia, nelle opere feconde della Pace.

Accresci nei nostri cuori l'amore alla religione, alla famiglia, alla Patria.

Fa che la nostra Bandiera sventoli sempre, simbolo di civiltà, garanzia di giustizia, segno di vittoria.

Accogli nella Tua gloria, in compagnia dei Santi Tuoi, i nostri Caduti e rendi la nostra vita degna del loro sacrificio; e tu Maria, Vergine Bella, Madre di Gesù e Madre nostra, Castellana d'Italia, veglia maternamente su di noi, sulle nostre famiglie, sulla nostra Patria.

Così sia.

 

Rara fotografia dell'allor Tenente degli Alpini Cesare Battisti

Un Alpino con il suo fedele aiutante di sempre


NATALE 1915

A mezzanotte sulla roccia immane

E nelle chiese giù, s'offre la Messa:

La suonino il cannone o le campane

L'Ostia bianca che appar sempre è la stessa.

E uno stesso è il pregar: Cessi o Signore

Tra i figli tuoi la micidiale guerra.

Targa posta alla base di un Monumento dedicato agli Alpini Caduti in Guerra (1911-1948)



Torna a inizio pagina

Torna alla HomePage